I corsi di Primi passi nel verde si svolgono da ottobre a maggio la domenica mattina ore 10 per bambini dai 3 ai 5 anni.

 

4 lezioni € 65,00 validità massima 1 mese

8 lezioni € 110,00 per  ottobre e novembre

 

Assicurazione base € 15,00 annuale – possibilità di integrative

Iscrizione all’associazione € 10,00 annuale

 

Per partecipare ad una lezione di prova contattare 3664859828.


I bambini di oggi sono figli della nostra storia: tutti noi ci siamo  allontanati dal mondo animale e naturale, in modo progressivo si è perduta la frequentazione concreta e continua con l’animale e l’ambiente, abbassando così le nostre capacità motorie, osservative, uditive e di attenzione, la conoscenza dei prodotti della terra, la consapevolezza di ciò che mangiamo, l’osservazione dei colori per arrivare in seguito a Buoni e Sani Stili di Vita.

cvg inverno

Avvalendoci  dell’esperienza di CAVALGIOCARE®  (educare al fascino della natura e degli animali con il gioco e il movimento), abbiamo utilizzato metodologie e didattiche in ambiente naturale e modalità pedagogiche verso questa fascia di età, per poter rafforzare il rapporto che i bambini hanno con l’ambiente ed il territorio, stimolandoli all’incontro, alla conoscenza ed al rispetto del mondo circostante, degli altri e di se stessi.

Svolgere attività “nel verde”, permette di familiarizzare con la natura, comprendere le relazioni esistenti tra gli animali, le piante e gli altri elementi che ne costituiscono la biodiversità, fare esperienze nuove ed originali, stimolare la fantasia e l’attenzione, il movimento e l' attivazione dei cinque sensi, sviluppando conoscenze cognitive e motorie.Infatti il bambino cresce contemporaneamente su due traiettorie di sviluppo: motoria e psicologica; entrambe si sviluppano in maniera inscindibile tra di loro e sono ugualmente necessarie per una corretta crescita dell’individuo.

cg inverno1

 

Diventa quindi importante che il bambino abbia intorno a sé un ambiente stimolante, vasto e variegato dove poter fare esperienze relazionali positive, attraverso il gioco ed esperienze in un ambiente facilitante e predisposto per l’apprendimento.Può essere efficace a questo proposito ricorrere a esperienze ricche di stimoli sul piano emotivo, mentale e relazionale che possano influenzare positivamente lo stile cognitivo e le relazioni interpersonali: l’ambiente naturale offre enormi opportunità di stimoli grazie anche alla presenza degli animali:i bambini oggi difficilmente possono godere di un contatto quotidiano con gli animali come quello che era garantito dalla vita contadina,  in cui l’incontro con loro avveniva gradualmente, guidato dalla conoscenza dei genitori e dei nonni.

Nei bambini l’interesse nei confronti degli animali sembra uscire spontaneo e le migliori disposizioni sono date per scontate: il sorriso, l’eccitazione, l’orientamento, il desiderio di toccare,  sono i comportamenti che più facilmente si possono osservare.Le manifestazioni che i bambini esprimono verso gli animali sono considerate buone in se, e ciò che un bambino esercita ed educa rapportandosi con un animale è ritenuto positivo in modo acritico.

In realtà le cose si presentano in modo molto differente: l’approccio con soggetti di altre specie, per essere positivo, richiede delle attenzioni e delle conoscenze e, allo stesso tempo, è indispensabile dare un indirizzo relazionale al bambino, “RISPETTO”.

asini

 

Oggi sempre più è necessario educare i bambini ad un corretto rapporto con le altre specie perché, nonostante la presenza di tanti personaggi animali nelle fiabe, nei fumetti, nei giocattoli, in TV, in realtà i bambini di città hanno poche possibilità di incontrare gli animali nella loro concretezza e autenticità.

 

 

 

In virtù di quanto premesso, proponiamo alle scuole materne un progetto di educazione al movimento, nel “verde”.

 

Il progetto vuole condurre ad ottenere specifici benefici di ordine educativo all’attività motoria di base e assistenziale nei bambini, tra i quali:

 

  1. a.Corporeità:  aumento della conoscenza del proprio corpo, aiuto ad acquisire corrette modalità di movimento e postura;
  2. b.Serenità: un animale può diventare un porto sicuro per calmare, distrarre, giocare
  3. c.Ottenere benefici di ordine educativo: dimunuire le difficoltà motorie e di coordinazione

 

 

 

OBIETTIVI

 

Il progetto si pone il raggiungimento dei seguenti obiettivi

 

 

 

-         consapevolezza corporea

 

-         l’integrazione motoria bilaterale:

 

-         l’equilibrio

 

-         coordinazione motoria

 

-         stimolare la fantasia e l’attenzione

 

-         attivazione dei cinque sensi

 

-         sviluppando conoscenze cognitive e motorie

primi passi